Probabilmente avrai aspettato tutto l’anno per avere tempo libero, e ora che l’estate è scoppiata vigorosa, è giunto il momento di rispolverare quelle serie televisive “scartate” per i troppi impegni. Ma adesso che ti si presenta la perfetta occasione per un po’ di svago, non avrai sicuramente intenzione di sprecare il tuo tempo tra le varie community pages zeppe di spoiler alla ricerca del telefilm perfetto, no? Se vuoi qualcosa capace di intrattenerti ma che non sia troppo impegnativo, ecco per te alcune proposte assolutamente da prendere in considerazione.

galavant

GALAVANT

Le (dis)avventure di un canterino, imbranato eroe-ma-non-troppo. Ambientato in una sorta di ilare, sarcastico medioevo in cui le azioni del protagonista, Galavant (Joshua Sasse), si alternano tra l’avventuroso e il comico nel tentativo di salvare la sua amata… O forse no? E tra la prima e la seconda stagione non fa che migliorare: non solo si incontrano nuovi personaggi decisamente interessanti (addirittura Kylie Minogue fa una comparsata), ma le stesse figure principali vengono approfondite nelle loro assurde psicologie. Il tutto affiancato a frequenti, divertenti intercalari musicali che concorrono a rendere ancora più apprezzabile questa commedia. Anche stavolta, insomma, la Disney ha dimostrato infinita originalità.

(18 episodi, per ABC, terminato)

GIRLFRIEND’S-GUIDE-TO-DIVORCE
GIRLFRIEND’S GUIDE TO DIVORCE

Intrecci, pettegolezzi, situazioni paradossali. Le storie di Abby McCarthy (la Lisa Edelstein di Dr. House), scrittrice che tenta di nascondere una disastrata situazione matrimoniale, e del suo gruppo di amiche. Una maratona sullo stile Sex and The City, che fa affezionare alle protagoniste fin dalla prima puntata, e non manca di piacevole ironia. Non di certo la solita commedia americana: ispirata alla serie di libri Girlfriends’ Guides di Vicki Iovine, il telefilm non ha come unico scopo quello di far ridere, e anzi alterna momenti di intrattenenti sensualità e divertimento con situazioni più serie, introspettive, tipiche della vita di un genitore che affronta un divorzio o di una donna alle prese con il mondo del lavoro. Un altro aspetto della fantasmagorica vita di Los Angeles, ben lontana dalle classiche aspettative. Impossibile non adorarla!

(26 episodi, per Bravo, in corso)

mozart-in-the-jungle
MOZART IN THE JUNGLE

Amazon si occupa di anche di telefilm, ormai lo sappiamo, e il suo ingresso nel mondo delle serie TV è a dir poco col botto. Una commedia drammatica, un dramedy insomma, che presenta il mondo affascinante ma decisamente travagliato della carriera professionale in campo musicale. La trama si concentra su più personaggi all’interno dell’Orchestra Sinfonica di New York tra cui la giovane, intraprendente oboista Hailey Rutledge (Lola Kirke) e il nuovo direttore d’orchestra Rodrigo (Gael García Bernal, attore “feticcio” di Pedro Almodòvar), attorno al quale aleggia un’aria di intrigante mistero. Rodrigo è in realtà il cardine della serie: attorno a lui ruota l’intero susseguirsi degli avvenimenti e personaggi, cioè complicate situazioni amorose e primedonne invidiose, solo per dirne alcune. Il telefilm ha conquistato quest’anno il Golden Globe per la “Migliore serie o commedia musicale”: come si può rimanerne delusi?

(20 episodi, per Amazon, in corso)

mad
MY MAD FAT DIARY

Un pò dramma, un po commedia anche in questo caso. La protagonista è Rachel “Rae” Earl (Sharon Rooney), e la storia ce la mostra nel periodo successivo alla sua permanenza in un ospedale psichiatrico. Nonostante la trama si prospetti a primo impatto un po’ deprimente, non bisogna farsi ingannare dalle apparenze: la serie è ben studiata e bilancia bene amarezze e momenti di assoluta spensieratezza tipici della realtà adolescenziale di fine anni ’90. In un periodo in cui gli Oasis e gli Stone Roses andavano forte si svolgono delle vicende che non cessano di essere attuali, senza tuttavia risultare scontate o noiose. Vedere per credere.

(16 episodi, per E4, terminato)

The-Librarians-1024x515

THE LIBRARIANS

In questo serial è la magia a farla da protagonista: per i personaggi principali si prospettano irrisolvibili misteri e nemici sovrannaturali da sconfiggere, mentre Flynn Carsen (Noah Wyle, indimenticato Dr. Carter di E.R. Medici in prima linea) è alla ricerca della sua libreria, perduta nel tempo e nello spazio. Non una comune libreria, comunque, bensì un nascondiglio per i più disparati artefatti magici, che vanno assolutamente tenuti lontani dalle grinfie di chi vuole sfruttare i loro poteri per fini malvagi. L’ex colonnello della NATO Eve Beird (Rebecca Romijn, già Mystica nei film di X Men), la nuova Guardiana della biblioteca, e il suo gruppo di compagni più o meno affidabili, tenteranno di impedire al male di trionfare, venendosi a trovare nelle situazioni più assurde: un labirinto con un minotauro, una casa posseduta, addirittura un viaggio alla ricerca di Babbo Natale. Spin off della serie di film The Librarian, sarà all’altezza delle vostre aspettative? Sicuramente sì!

(26 episodi, per TNT, in corso)