BIG LITTLE LIES

Miniserie in 7 puntate, su HBO da febbraio ma sul nostro Sky Atlantic dal 15 marzo, scritte da David E. Kelley basandosi sul romanzo Piccole grandi bugie, è un evento per la serialità. Non foss’altro che per il coinvolgimento di Nicole Kidman, e di Reese Witherspoon con lei, in una produzione per la tv. Entrambe così affascinate dal racconto, un’epopea tutta la femminile che si tinge pericolosamente di noir, da volerne essere anche produttrici. Cosa si nasconde dietro l’apparenza perfetta della vita di alcune madri, i cui figli sono compagni di asilo? Tra le madri in questione, c’è appunto la Kidman (l’ex avvocato Celeste), una strepitosa Witherspoon (l’inarrestabile ma insicura Madeleine) e anche Shailene Woodley (Jane, ultima arrivata in città), si, quella di Colpa delle Stelle, già in età da mamma per fiction. Una storia di amicizia fra donne, ma anche di ipocrisia, odio e competizione. Nel cast, Alexander Skarsgård di True Blood (nonché ultimo Tarzan) e Laura Dern (la terribile Renata), già mamma della Woodley proprio in Colpa delle stelle.

L’abbinamento di HBO e Donne, che si chiamasse Sex & the City o Girls, si preoccupava sempre di far sorridere. Stavolta quelli del network di Game of Thrones devono aver pensato che in certi universi, come in quello dei legami femminili, c’è spesso ben poco da ridere.