Tra i volti proposti, c’è quello di Benedict Cumberbatch, unica eccezione (assieme al Superman Henry Cavill, in verità) della carrellata, perché proveniente da una serie non americana, atteso per ottobre come Doctor Strange. E poi c’è anche una bella naufraga che è impossibile dimenticare…

BF-05991_R.JPG

Evangeline Lilly – Ant Man

L’abbiamo conosciuta e amata come la naufraga Kate di Lost. Scontato che le si aprissero le porte del grande cinema, ed eccola affiancare l’Uomo Formica di Paul Rudd (il suo passato in tv si chiama anche Friends) in Ant-Man, di cui è previsto un sequel, Ant-Man and the Wasp (2018), che la vedrà ancor più protagonista, nelle vesti di Hope, pronta a diventare l’eroina Vespa. Nel film Marvel c’era anche Bobby Cannavale (Will & Grace, Vinyl), nome altisonante delle serie televisive: con Boardwalk Empire, vince un Emmy nel 2013.

strange1-large

Benedict Cumberbatch – Doctor Strange

Unico (o quasi) strappo alla regola in questa carrellata di star provenienti dalle serie made in USA. Sherlock, la serie cult di cui Cumberbatch è lo strepitoso protagonista da 6 anni, è infatti di fattura britannica. Attesissimo l’attore, ormai divo da grande schermo (The Imitation Game) nelle vesti di Doctor Strange, il magico eroe Marvel che approda nei cinema italiani il 26 ottobre. Nel film anche Mads Mikkelsen, l’inquietante Hannibal Lecter di Hannibal. Martin Freeman, il Watson di Sherlock (e Bilbo Baggins della Hobbit saga), pure si è tuffato nei cinecomic interpretando l’impiegato del Dipartimento di Stato, Everett K. Ross in Captain America: Civil War.

Emily-VanCamp-as-Agent-13-Sharon-Carter-in-Captain-America-The-Winter-Soldier-Header

Emily Van Camp – Captain America saga

Il popolo delle serie tv la adora: si è fatta conoscere prima come la dolce Amy di Everwood, poi come la Rebecca di Brothers & Sisters, con cui si insinua nelle chiassose vicissitudini della famiglia Walker capeggiata da Sally Field (pure lei adottata dai cinecomic: è stata la zia May in The Amazing Spider-Man 1 e 2), infine come la vendicativa Emily Thorne di Revenge. Due anni fa, si arruola nello S.H.I.E.L.D: è l’agente 13, ovvero Sharon Carter, di Captain America: The Winter Soldier, e pure di Civil War.

Quicksilver-Apocalypse-scene-bigger

Evan Peters – X Men saga

Si fa conoscere in mezzo mondo grazie ad American Horror Story (ma forse lo ricordate anche teenager in Invasion), la saga horror concepita da Ryan Murphy. Che non sembra voler abbandonare, nonostante il successo riscosso dal suo Quicksilver, il mutante, che risponde al nome di Pietro Maximoff, con un’agilità che farebbe impallidire Flash. E che ci ha divertito in X Men: Giorni di un futuro passato e anche nel successivo Apocalypse.

antman_00167

John Slattery – Universo Marvel

Slattery è stato il pubblicitario fascinoso e spietato Roger Sterling in Mad Men, ed è passato poi a far danni a Wisteria Lane, in quel di Desperate Housewives – I segreti di Wisteria Lane. Grazie alla parte di Howard Stark, il papà di Tony Stark/Iron Man si è concesso svariate apparizioni, tra salti nel tempo e flashback, in più di un film Marvel: era in Iron Man 2, Ant-Man e Captain America: Civil War.

Man-of-Steel-Henry-Cavill

Henry Cavill – Superman saga

Anche Cavill, come Cumberbatch, proviene da una serie made in UK, la celeberrima I Tudors, dove era Charles Brandon, duca di Suffolk e migliore amico di Enrico VIII. Nel 2013, superata la prova del mitologico Teseo in Immortals, diventa il nuovo Clark Kent in L’uomo d’acciaio, per la regia di Zack Snyder. Indossa di nuovo il mantello rosso in Batman V Superman ed è già sul set del primo dei due capitoli della Justice League (in sala dal 2017). Il villain di Man of Steel, il Generale Zod, ha le fattezze imponenti di Michael Shannon, superlativo nella serie HBO Boardwalk Empire – L’impero del crimine.

betty-applewhite-600x338-770x470

Alfre Woodard – Captain America: Civil War

Piccolo, ma intenso e significativo ruolo nel terzo film su Capitan America per l’attrice afroamericana, quasi 40 anni di carriera, ammirata in serie quali Desperate Housewives e True Blood ma anche al cinema (12 anni schiavo). È quello di Miriam Sharpe, madre di un cittadino americano morto durante la battaglia di Sokovia mostrata a inizio film. A spingere per averla nel film, pare sia stato proprio Robert Downey Jr. La Marvel era il suo destino: dopo aver fatto la doppiatrice per la miniserie animata di Black Panther, sarà tra i protagonisti del serial Netflix Luke Cage.

Fillion

Nathan Fillion – I Guardiani della Galassia Vol. 2

Arcinoto divo del piccolo schermo, passato da titoli come Buffy l’ammazzavampiri e Firefly a Desperate Housewives e soprattutto Castle, che lo ha visto splendere per 8 stagioni fino allo scorso maggio. E ora ingaggiato per finire tra i Guardiani della Galassia nel secondo episodio (atteso per l’anno venturo) nella parte di Simon Williams, imprenditore che si trasformerà in Wonder Man. Fillion, in realtà, è già di casa nella saga di James Gunn, visto che nel primo film ha dato “fattezze” e voce ad un mostro blu che i Guardiani incontrano nel penitenziario dove vengono rinchiusi.

chris-pratt-guardians-of-the-galaxy-star-lord-1920x1080

Chris Pratt – The Avengers saga

Oggi è uno delle star più desiderate di Hollywood, grazie allo scatenato Peter Quill alias Star-Lord de I Guardiani della Galassia, che ritroveremo inevitabilmente in Avengers: Infinity War, oltre che per l’exploit di Jurassic World. Ma quanti lo ricordano tra i protagonisti della serie della Warner Bros Everwood? Dopo la quale andò dalle parti di The OC, nella sua stagione conclusiva, la quarta. Qualche anno dopo, quindi, è giunto Parks and Recreations. Il resto è leggenda.

denning8tvf-3-web

Kat Dennings – Thor saga

Fattasi notare in 5 episodi di ER – Medici in prima linea, la Dennings, classe 1986, di Philadelphia, si lancia nel 2011 nelle sit-com con l’irresistibile 2 Broke Girls: è la cameriera Max, sboccata e meravigliosa. Nello stesso anno viene ingaggiata per fare Darcy Lewis, l’amica di Natalie Portman, in Thor, ruolo che ricopre anche in Thor: The Dark World. Ma a quanto pare no, non la rivedremo nel terzo episodio sul dio del tuono, intitolato Ragnarok