90ª edizione quella del 4 marzo per la Notte degli Oscar, al Dolby Theatre di Los Angeles. Presentata da un Jimmy Kimmel spassosa conferma, l’evento degli Academy si è confermato deciso più che mai a seguire la strada della diversità, del dare sempre più spazio a tutte quelle che solo fino a qualche anno fa erano viste come minoranze. Alla faccia di un certo Weinstein (e di Trump, of course). Vince The Shape of Water, fiabesca celebrazione della diversità, viene urlato il “girl power”, grazie a femmine forti come Frances McDormand o Greta Gerwing e poi Remember me, la canzone di Coco è un inno alla cultura messicana. Senza dimenticare il successo (miglior sceneggiatura) di una storia coraggiosa come Chiamami col tuo nome e quello (nelle parole di Kimmel) del primo supereroe black della storia, ovvero Black Panther. Vincitori e vinti più che scontati, ma (quasi sempre) giusti. 

The-Shape-of-Water-Poster-Cropped-696x348

Miglior film: The Shape of Water – La Forma dell’acqua, di Guillermo Del Toro

Miglior attore: Gary Oldman per L’ora più buia

Miglior attrice: Frances McDormand per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior attore non protagonista: Sam Rockwell, Tre manifesti a Ebbing, Missouri 

Miglior attrice non protagonista: Allison Janney per Io, Tonya

Miglior sceneggiatura non originale: Chiamami col tuo nome a James Ivory, per il film di Luca Guadagnino

chiamami-col-tuo-nome

Miglior regia: Guillermo del Toro, The Shape of Water – La forma dell’acqua

Miglior documentario: Icarus di Bryan Fogel e Dan Cogan.

Miglior costumi: Mark Bridges per Il filo nascosto

Miglior trucco: Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick per L’ora più buia 

Miglior sonoro: Richard King e Alex Gibson per Dunkirk

Miglior montaggio sonoro: Mark Weingarten, Gregg Landaker, Gary A. Rizzo per Dunkirk

Miglior scenografia: Paul D. Austerberry, Jeffrey A. Melvin e Shane Vieau per La forma dell’acqua

Miglior film animazione: Coco di Lee Unkrich e Darla K. Anderson

Coco_dominates_Chinese_box_office_

Migliori effetti speciali: John Nelson, Paul Lambert, Richard R. Hoover e Gerd Nefzer per Blade Runner 2049

Miglior montaggio: Lee Smith per Dunkirk

Miglior cortometraggio documentario: Heaven is a Traffic Jam on the 405 di Frank Stiefel

Miglior cortometraggio: The Silent Child di Chris Overton e Rachel Shenton

Miglior fotografia: Roger Deakins per Blade Runner 2049

Miglior colonna sonora originale: Alexandre Desplat per La forma dell’acqua

Miglior canzone: Remember me di Kristen Anderson-Lopez, Robert Lopez in Coco