Probabilmente sarà ricordato come uno degli eventi di musica jazz più interessanti mai organizzati a Marcianise. Stiamo parlando del “Memorial Alberto D’anna” che si terrà il 29 luglio 2016 in Piazza Umberto I, a partire dalle ore 21:30. L’evento è stato organizzato dalle Associazioni Enarmonie e MuoviMenti per omaggiare “il più importante musicista della città di Marcianise e fra i migliori batteristi italiani” a più di un anno dalla sua scomparsa.

Parteciperanno all’evento tantissimi musicisti della Campania: Antonio Onorato, Marco Zurzolo, Andrea Rea, Gianni D’Argenzio, Ivan Francesco Iodice, Lello Petrarca, Giò Ballirano, Aldo Fucile, Elia Vitale, Peppe D’argenzio, Gianni Taglialatela, Ernesto Palange, Claudio Romano, Luigi Palmiero, Carlo Raucci, Fabio Tommasone, Mirella Schisano, Raffaele Natale, Wena, Enzo Gnesutta, Lucky Pesce, Tommaso Cavallo, Luciano DeFortuna, Sarah Adamo, Alfonso Camarota, Old Boys e tanti altri artisti della musica jazz e non solo. La direzione artistica è affidata al maestro Ivan Francesco Iodice. Rosario Copioso, attore professionista e creatore, insieme a Dario Pietrangioli, di DRAMA TEATRO STUDIO, reciterà una poesia di Raffaele Viviani “Campanilismo”.  Durante tutte le performance musicali, sul palco ci sarà anche la batteria di AlbertoD’Anna, per ricordare il grande talento del musicista marciansiano.

D’Anna cominciò sin da bambino lo studio del rullante con il maestro Walter Scotti. Da Napoli a Roma e poi a Milano fino ad arrivare a Boston. Tra i suoi mentori ha avuto musicisti di fama internazionale come Horacio Hernandez e Steve Gadd con cui fece un seminario. Oltre che batterista di jazz, dal numero sconfinato di collaborazioni, era anche un etnomusicologo. Si laureò, infatti, alla Sapienza di Roma con il prof. FrancescoGiannattasio, allievo di Diego Carpitella,studiando in particolar modo la musica africana del West Africa e del Centro Africa (etnie Ewe e Ashanti del Ghana). Alberto D’Anna ebbe una lunga carriera di batterista per via di collaborazioni eccellenti con artisti del calibro di James Senese, Renzo Arbore, Tony Esposito, Adriano Pappalardo ed Eduardo De Crescenzo. Fu per moltissimi anni punto di riferimento di decine di musicisti, marcianisani e non, che volevano iniziare a seguire la carriera musicale. D’Anna, dotato di una tecnica eccellente, era molto conosciuto nell’ambiente musicale jazzistico nazionale ed a pieno titolo parte di quel movimento musicale che all’inizio degli anni 80 andava sotto il nome di “Neapolitan Power” di cui il principale rappresentante era Pino Daniele. Tra il 1984 e il 1986 è stato il batterista dei “Napoli Centrale” chiamato dal leader del gruppo James Senese. Nel 1987 entrò a far parte del gruppo “Lingomania” in sostituzione del batterista Roberto Gatto. Renzo Arbore lo volle con lui in Rai come batterista della sua orchestra nel fortunatissimo programma “Indietro tutta” (1987-88).