Per lanciare le nuove stagioni o promuovere un debutto, assai spesso i cast delle serie televisive si trasformano nei protagonisti dei più celebri dipinti (o sculture) della storia dell’arte. Può capitare, così, che il Frank Underwood di ‘House of Cards’ sieda sul trono di Lincoln o che il Locke di ‘Lost’ sieda ad una tavola imbandita e assai nota…

“Il telefilm è arte, ma non lo da a vedere”, spiega il critico Aldo Grasso nel libro Buona maestra – Perché i telefilm sono diventati più importanti del cinema e dei libri (Mondadori, del 2007). Probabilmente chi ha realizzato gli splendidi servizi fotografici che trasformano i cast delle serie tv nei protagonisti di alcuni fra i capolavori più celebri della storia dell’arte deve pensarla diversamente. Cioè che i telefilm meritano di mettersi in mostra come autentiche opere d’arte, dipinti o sculture che siano. È capitato in tante occasioni che i fotografi americani, spesso su precisa richiesta dei network, si trasformassero in Leonardo dei giorni nostri. E il Kevin Spacey in posa come uno scultoreo Presidente Lincoln, è solo l’esempio più recente…

 

HOUSE OF CARDS – Statua di Lincoln, Daniel Chester French

È probabilmente l’immagine più nota legata alla serie di Netflix, con il suo protagonista, un imponente Frank Underwood (interpretato da Kevin Spacey, ma serve dirlo?), seduto sullo stesso trono su cui riposerebbe, di norma, Abraham Lincoln. Perché quella che fu non una semplice immagine promozionale, ma la foto di lancio della serie nata nel 2013, si ispira alla statua del sedicesimo Presidente degli Stati Uniti realizzata a fine 800 da Daniel Chester French.  Situata all’interno del Lincoln Memorial, un tempio localizzato a sua volta nella National Mall di Washington D.C. Se nella statua, Lincoln appare assorto e pensieroso, perso nei suoi buoni propositi per il Paese, nell’immagine di House of Cards, lo sguardo di Underwood lascia presagire ben altre intenzioni…

french-house-of-cards-comp

MODERN FAMILY – Libertà dal bisogno, Norman Rockwell

Proprio come la famigliola del dipinto (è al Norman Rockwell Museum, nel Massachusetts) datato 1943, anche i chiassosi Pritchett di Modern Family sono a tavola per il pranzo del Ringraziamento. Nella foto promozionale della quarta stagione (attualmente, la serie è attesa con l’ottavo ciclo) è la “generosa” Gloria di Sofia Vergara a mettere a tavola il tacchino, mentre il vero dipinto compare sulla parete. Seppur poco famoso da noi, il dipinto negli USA è popolarissimo ed è stato più volte parodiato, come nel film della Walt Disney Lilo & Stitch.

rockwell-modern-family

I SOPRANO – La Zattera della Medusa, Théodore Géricault

Annie Leibovitz adora metterli in posa come soggetti di un dipinto, e così, a 7 anni dall’Ultima cena, immortala I Soprano al completo nell’immagine promozionale della stagione 5, intorno alla barca che richiama La Zattera della Medusa (1818-19), il celebre dipinto del francese Théodore Géricalult, fra i maggiori esponenti del Romanticismo, conservato a Parigi al Louvre. Una tragedia, quella del naufragio dell’imbarcazione francese Méduse, che non si discosta di molto dalle tragedie in cui spesso e volentieri finivano col trovarsi, Tony, Carmela e gli altri componenti della insostituibile famiglia di HBO.

029-the-sopranos-theredlist

seurat-officeTHE OFFICE – Una domenica pomeriggio all’isola della Grande-Jatte, Georges Seurat

Il dipinto a olio (realizzato nel 1886 e conservato all’Art Institute di Chicago) del pittore parigino, si presta che è una meraviglia come variopinto e rilassante scenario per il cast di The Office, in questa foto promozionale del 2011, coi personaggi che si fanno asettici e atemporali proprio come l’opera d’origine. La donna con l’ombrello? Tocca alla Jordan impersonata da Cody Horn ripresentarcela in chiave molto più moderna.

 

LOST – L’Ultima Cena, Leonardo Da Vinci

Forse la seconda opera d’arte più famosa al mondo dopo la Gioconda, permettendo a Leonardo Da Vinci di battere se stesso, L’Ultima Cena (fatto tra il 1494 e il 1498), conservata a fatica nel santuario di S. Maria delle Grazie a Milano, è stata “presa in prestito” più e più volte. Dalla tv sicuramente: gli autori di Lost hanno ben pensato nel 2010 di introdurre la sesta e ultima stagione, già carica di complicate questioni irrisolte, mettendo i protagonisti seduti al tavolo del celebre cenacolo, chiamando in causa un dipinto a sua volta enigmatico. Con Locke, qui incarnazione dell’oscura Nemesi, a rubare il posto del Redentore nelle tre immagini promozionali in cui Jack e soci assumono posizioni diverse, ora tranquille, ora concitate, proprio come gli Apostoli fecero nel Rinascimento. Altri emulatori di quest’opera? Il Dr House, ad esempio, ovviamente posto al centro, non di una tavolata, ma di una sala operatoria, o quelli di Battlestar Galactica, con la Number Six di Tricia Helfer splendida accentratrice. Ancora, I Soprano, messi in posa per Vanity Fair da Annie Leibovitz e, dulcis in fundo, I Simpson, seduti al bancone del bar Boe: indovinate chi ha il posto d’onore?

last-supper

HOUSE -- Pictured: (l-r) Jesse Spencer as Dr. Robert Chase, Jennifer Morrison as Dr. Allison Cameron, Hugh Laurie as Dr. Gregory House, Robert Sean Leonard as Dr. James Wilson, Lisa Edelstein as Dr. Lisa Cuddy, Omar Epps as Dr. Eric Foreman -- NBC Photo: Art Streiber

soprano-last

#Domani, la seconda e ultima parte di ‘Arte e Telefilm’.